GLI ONCOLOGI MEDICI TI AIUTANO A SMASCHERARE LE FAKE NEWS
fakeNews
notizia falsa

Lo stress facilita l’insorgenza del cancro?

No, un’associazione diretta tra stress e cancro non è stata dimostrata. Tuttavia, alti livelli di stress psico-fisico, specie se vissuto in maniera non sana, possono generare effetti negativi sul nostro organismo. In particolare un aumento cronico di neuromediatori dello stress (adrenalina e noradrenalina) può indebolire il sistema cardiovascolare (ad esempio aumentare la pressione arteriosa) e le difese immunitarie. Lo stress cronico inoltre si può associare a stili di vita dannosi (es. aumento dell’abitudine al fumo), che indirettamente possono determinare un aumento del rischio di sviluppare un tumore.

LA SMENTITA DELLA SCIENZA

Varie ricerche epidemiologiche hanno studiato se vi sia un nesso causale tra stress-psicofisico dannoso ed insorgenza del cancro. Tali ricerche hanno confutato tale ipotesi.

Nel 2013 è stata pubblicata su una prestigiosa rivista scientifica, il British Medical Journal, una raccolta di dati (meta-analisi) su quasi 120,000 soggetti che analizzava la possibile associazione tra stress lavorativo e insorgenza di tumori. [1]

Tale raccolta di dati includeva ben 12 studi epidemiologici indipendenti condotti in diversi paesi europei (Finlandia, Francia, Olanda, Svezia, Danimarca e Gran Bretagna) che erano focalizzati sulla condizione di salute dei lavoratori.

A questi circa 120,000 lavoratori (maschi e femmine), apparentemente in buona salute e senza diagnosi di patologie gravi (es. tumori, infarti o altro) al momento dell’inclusione nello studio, sono stati somministrati dei questionari validati sullo stress da lavoro (con domande quali: “il tuo lavoro ti richiede di lavorare troppo intensamente? Senti di imparare cose nuove nel tuo lavoro? Puoi scegliere come e cosa fare nel tuo lavoro? C’è un’atmosfera piacevole nel tuo lavoro ed hai un buon rapporto con i colleghi?).

I lavoratori sono stati quindi seguiti per circa 12 anni ed è stato analizzato se vi fosse un’aumentata insorgenza di tumori nei lavoratori che avevano dichiarato un alto stress lavorativo nei questionari sopra citati. Ebbene, non è stata dimostrata alcun associazione tra insorgenza di cancro e stress lavorativo elevato, né in generale, né in riferimento a specifici tumori (tumore del colon-retto, della mammella, del polmone o della prostata.

Pur se un’associazione diretta tra stress, in particolare lavorativo, e tumore è stata smentita, lo stress cronico nocivo può determinare effetti deleteri su vari sistemi del nostro organismo. [2] In particolare è noto che un’esposizione cronica ad alti livelli di neuromediatori dello stress quali adrenalina e noradrenalina aumenta il rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari. Inoltre lo stress è associato spesso a comportamenti controproducenti (fumo, alcool). Inoltre non è possibile prevedere come particolari individui possano reagire ‘fisicamente’ a personali fonti di stress, anche non lavorative, che inducono depressione ed ansia. Alcuni dati su modelli murini suggeriscono che l’ansia e lo stress cronico potrebbero ridurre le difese immunitarie ed influenzare sfavorevolmente la prognosi delle patologie oncologiche. [3]

Pertanto è sempre consigliabile cercare di ridurre, ove possibile, fonti di stress dannose, per favorire un sano equilibrio psico-fisico.

Fonti informative

  • 1. Heikkilä K et al; IPD-Work Consortium. Work stress and risk of cancer: meta-analysis of 5700 incident cancer events in 116,000 European men and women. BMJ. 2013 Feb 7;346:f165. doi: 10.1136/bmj.f165. PubMed PMID: 23393080; PubMed Central PMCID: PMC3567204.
  • 2. Kivimäki M et al; IPD-Work Consortium. Job strain as a risk factor for coronary heart disease: a collaborative meta-analysis of individual participant data. Lancet. 2012 Oct 27;380(9852):1491-7. doi: 10.1016/S0140-6736(12)60994-5. Epub 2012 Sep 14. PubMed PMID: 22981903; PubMed Central PMCID: PMC3486012.
  • 3. Dhabhar FS, et al. High-anxious individuals show increased chronic stress burden, decreased protective immunity, and increased cancer progression in a mouse model of squamous cell carcinoma. PLoS One. 2012;7(4):e33069. doi: 10.1371/journal.pone.0033069. Epub 2012 Apr 25. PubMed PMID: 22558071; PubMed Central PMCID: PMC3338811.

Argomenti trattati