GLI ONCOLOGI MEDICI TI AIUTANO A SMASCHERARE LE FAKE NEWS
fakeNews
notizia falsa

Gli assorbenti interni possono causare il cancro?

E’ falso, l’allarme che l’uso di assorbenti interni possa essere associato a sviluppo di tumori in particolare all’utero è del tutto privo di fondamento. Al contrario si sta studiando se possano essere sfruttati gli assorbenti interni usati per diagnosticare precocemente infezioni da papilloma virus e carcinoma dell’utero.

LA SMENTITA DELLA SCIENZA

Qualche anno fa è stato lanciato un allarme sulla possibilità che gli assorbenti interni contenessero diossina e che questo aumentasse il rischio di tumori dell’utero.

Il materiale di cui sono fatti alcuni assorbenti, il Rayon, non contiene la diossina tossica di riferimento, la 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina. [1]

Inoltre, agli inizi degli anni 2000, due ricercatori, DeVito & Schecter, hanno specificamente analizzato con tecniche di cromatografia la presenza di diossine in 4 marche differenti di assorbenti interni. [2] Hanno confermato come non vi fosse traccia della diossina più potente e pericolosa, la 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina. Hanno riscontrato tracce rilevabili di altre diossine minori, tuttavia l’esposizione a tali sostanze tramite assorbenti interni, corrisponderebbe ad un’esposizione diossinica da 13.000 a 240.000 volte inferiore a quella che comunemente si verifica con i prodotti alimentari.

Al contrario è ben riconosciuto il rischio di infezione da S. Aureus produttore di tossina e di sindrome da shock tossico che si associa in casi particolari all’uso di assorbenti interni, la cosiddetta “Menstrual toxic shock syndrome”. [3]

Recentemente si sta studiando la possibilità di utilizzare gli assorbenti interni usati per ricercare tracce di papilloma virus e di cellule tumorali, una forma di ‘pap test’ auto-somministrato e condotto su prodotti di scarto.

Un riscontro tempestivo di positività al papilloma virus variante cancerogena, se non addirittura il riscontro del DNA da cellule tumorali, consentirebbe di effettuare in maniera più mirata i controlli ginecologici e una diagnosi precoce di carcinoma dell’utero. [4,5]

Fonti informative

  • 1. Scialli AR. Tampons, dioxins, and endometriosis.Reprod Toxicol. 2001 May-Jun;15(3):231-8.
  • 2. DeVito MJ, Schecter A. Exposure assessment to dioxins from the use of tampons and diapers. Environ Health Perspect. 2002 Jan;110(1):23-8. PubMed PMID: 11781161; PubMed Central PMCID: PMC1240689.
  • 3. Nonfoux L et al. Impact of currently marketed tampons and menstrual cups on Staphylococcus aureus growth and TSST-1 production in vitro.Appl Environ Microbiol. 2018 Apr 20. pii: AEM.00351-18. doi: 10.1128/AEM.00351-18. [Epub ahead of print].
  • 4. Hanley SJ et al.HPV self-sampling in Japanese women: A feasibility study in a population with limited experience of tampon use.J Med Screen. 2016 Sep;23(3):164-70. doi: 10.1177/0969141315625702. Epub 2016 Feb 25..
  • 5. Bakkum-Gamez JN et al.Detection of endometrial cancer via molecular analysis of DNA collected with vaginal tampons.Gynecol Oncol. 2015 Apr;137(1):14-22. doi: 10.1016/j.ygyno.2015.01.552. Epub 2015 Feb 10.

Argomenti trattati